top of page
  • Immagine del redattoreSara P

I mudra e le posizioni delle mani durante la meditazione

Aggiornamento: 19 set 2021

Dove metti le mani in meditazione?


Di sicuro non sbagli se metti le mani semplicemente sulle cosce o sulle ginocchia con i palmi girati verso l’alto. I palmi delle mani sono aperti e rilassati. Se sei sdraiato/-a, appoggia le mani accanto a te con i palmi sempre verso il cielo.



Perché è importante la posizione delle mani?


In un articolo precedente ho già descritto l’importanza della postura in meditazione. Di quanto sia importante che la colonna vertebrale rimanga diritta per aumentare il flusso d’energia che attraversa il nostro corpo. Qui descriverò l’importanza delle posizioni delle mani, che possono aumentare o diminuire il flusso dell’energia.


Quando ti metti in una posizione meditativa, è importante che le braccia o le gambe non siano incrociate. Sedersi con le gambe incrociate in posizione meditativa non è la stessa cosa che sedersi su una sedia e avere le gambe incrociate. Incrociare le braccia o le gambe potrebbe creare una certa congestione o confusione nel flusso di energia in tutto il corpo. Soprattutto, potresti sentire come il tuo corpo emotivo produce alcuni disagi durante la meditazione. Sopra ho descritto la posizione più semplice, cioè con le mani sulle ginocchia e i palmi rivolti verso il cielo. Questo ti dà l'opportunità, ti aprirti alle energie per connetterti più facilmente verso le sfere superiori tramite il tuo settimo chakra.

Con l’andare del tempo, sarai in grado di percepire energie più sottili e sarai in grado di sentire quale posizione è migliore e/o ti serve meglio in un dato momento. Per ora, tuttavia, ti presenterò alcune posizioni più famose.


Cosa sono i mudra?


I mudra sono conosciuti come posizioni del corpo, principalmente delle mani. La parola mudra ha origine dal sanscrito e significa postura, gesto o sigillo. È un gesto o una posizione specifica che crea un processo specifico. Può essere come una sorta di apertura, connessione, pulizia, risoluzione e molto altro. Tutto funziona attraverso il nostro corpo emotivo, quello mentale e quello energetico. In passato, i mudra venivano usati molto più di quanto lo siano oggi. Gli insegnanti hanno consegnato ai loro allievi i mudra per aiutarli nel loro percorso di sviluppo spirituale. I mudra erano un segreto ricevuto quando uno raggiungeva un certo livello di consapevolezza. Molti mudra sono andati persi nel corso degli anni, poiché in passato pochissimi sono stati scritti. Il loro scopo non è mai stato quello di trasferire la loro conoscenza attraverso la parola scritta, il che è anche giusto. Oggi puoi vederli nelle vecchie foto di persone che meditano o fanno yoga. Sono stati trasmessi anche attraverso la danza.


Al giorno d'oggi, però, tutto viene a galla. Se questo sia giusto o no è un'altra questione. Anche i mudra e il loro significato sono venuti a galla alcuni anni fa. Molte volte durante le meditazioni noto che le persone usano qualche mudra. E gli chiedo se sanno cosa significa. In realtà, per lo più, non lo sanno, poiché imitano solo il contenuto di una foto di una persona interessante. Proprio per questo motivo possono anche eseguire un mudra, che funziona a un livello completamente diverso dalla meditazione stessa e invece di aumentare l'effetto della meditazione, la postura la può diminuire. Non è un grosso problema, è così che si impara. In quel momento suggerisco alle persone di aprire semplicemente i palmi verso l'alto. Così facendo ne ricaveranno molto di più, come per esempio nel caso quando creassero un circolo chiuso di energia all'interno del corpo. Quindi potrebbero impedire a sé stessi di ottenere ciò che avrebbero potuto ottenere senza questo mudra.




Perché usare i mudra?


Penso non sia saggio usare i mudra senza avere uno scopo specifico. Quindi direi di usarli saggiamente quando senti che questo è qualcosa di buono per te, qualcosa di importante. Quando puoi sentire l'importanza di un atteggiamento o quando senti che contribuisce a qualcosa.


I mudra più comuni


Citerò alcune posizioni delle mani che vengono ripetute più e più volte in connessione con la meditazione. I nomi potrebbero essere diversi da quelli a cui sei abituato/-a o che troverai su Internet. Il motivo è che derivano da pratiche diverse e di conseguenza hanno sviluppato nomi diversi. In realtà, il nome non è così importante, quanto lo è la corretta esecuzione.


Chin mudra

Senza dubbio uno dei mudra più famosi. È usato nell'induismo, nel buddismo, nello yoga. In questa posizione, il pollice e l'indice sono staccati mentre le altre tre dita sono estese e dritte. Il palmo è rivolto verso l'alto. È ampiamente usato nella meditazione. Calma la mente, ti connette al sé superiore. In alcune fonti potrai trovare che ti connette con dio.


Ogni dito rappresenta una connessione più profonda ai livelli sottili della vita.

Il dito indice simboleggia la tua coscienza limitata, mentre il pollice simboleggia la coscienza illimitata universale. Insieme, il sé limitante si connette con il sé universale.


Il dito medio è l'espressione dell'intelletto, l'anulare è associato alle emozioni della mente e il mignolo rappresenta l'espressione del corpo fisico.


A volte possiamo anche spostare il dito indice sotto il pollice, per mantenere più facilmente la posizione. L'energia creata da questo mudra è molto sottile e richiede al praticante di percepire più profondamente in modo che possa essere consapevole del suo effetto.



 Di sicuro non sbagli se metti le mani semplicemente sulle cosce o sulle ginocchia con i palmi girati verso l’alto. I palmi delle mani sono aperti e rilassati. Se sei sdraiato/-a, appoggia le mani accanto a te con i palmi sempre verso il cielo.


Dhyana mudra

Chiamato anche il mudra per la meditazione o anche Buddha mudra. Per questa posizione si dice che l’abbia tenuta Buddha durante l'illuminazione. Per eseguirlo poggia il palmo destro sul sinistro, i palmi sono girati verso l'alto e i pollici sono a malapena a contatto. Usa questa posizione per creare una specie di triangolo. Puoi sentire l'energia scorrere tra i tuoi pollici se sono un millimetro o anche meno distanti. I palmi riposano in grembo. Puoi anche usare questo mudra quando hai sonno e vuoi svegliarti un po’.



 Di sicuro non sbagli se metti le mani semplicemente sulle cosce o sulle ginocchia con i palmi girati verso l’alto. I palmi delle mani sono aperti e rilassati. Se sei sdraiato/-a, appoggia le mani accanto a te con i palmi sempre verso il cielo.


Anjali mudra

O la posizione di preghiera. Viene utilizzato principalmente come saluto all'inizio. Questo mudra ti centra, ti riporta al cuore per iniziare ad aprirsi. Rappresenta il tuo scopo nel crescere sul sentiero spirituale. I palmi sono chiusi davanti al cuore, le dita puntate verso il cielo. I palmi non premono perfettamente l'uno contro l'altro ma si toccano solo la punta delle dita e i palmi dei polsi, per creare un piccolo spazio vuoto tra i palmi. Simboleggia un fiore che si apre quando il tuo cuore si apre.



 Di sicuro non sbagli se metti le mani semplicemente sulle cosce o sulle ginocchia con i palmi girati verso l’alto. I palmi delle mani sono aperti e rilassati. Se sei sdraiato/-a, appoggia le mani accanto a te con i palmi sempre verso il cielo.


Perché scrivo dei mudra se non incoraggio a eseguirli?


Buona domanda. Probabilmente la risposta più semplice è che sto scrivendo di questo proprio perché non tutto quello che trovi su internet è vero. Come non è detto che sia una cosa buona per tutti. Questo è il motivo per cui sono una sostenitrice delle meditazioni fatte dal vivo. I questi casi posso seguire quello che stai facendo, come stai dirigendo la tua energia e come sta andando il tuo sviluppo. Tuttavia, i tempi sono diversi ora, e nonostante il mondo sia molto piccolo, l'anno 2020 ci ha dimostrato che anche le distanze corte possono essere insormontabili. Ed è per questo motivo che meditiamo tutti da casa. Ecco perché è importante per me toccare determinati argomenti e fare un po’ più di ordine dove prima c'era troppa confusione.


E tu, hai mai sentito parlere dei mudra? Gli usi? Scrivici nei commenti qua sotto.



Post recenti

Mostra tutti

1 Comment


Theo Vigliocco
Theo Vigliocco
Nov 10, 2023

Grazie per condividere questa informazione en modo così chiaro. Sarebbe bello sapere un po' di più sul cambio di posture nel corso della meditazione stessa o anche più tipi di mudra!

Like
bottom of page