top of page
  • Immagine del redattoreSara P

Dolore, disagio e altri inconvenienti durante la meditazione

Aggiornamento: 19 set 2021

Avete appena iniziato a meditare o lo fate da molto tempo? Ad ogni modo, sono sicura che avete già sentito tutti qualche dolore durante la meditazione. Forse a causa di una posizione meditativa, forse perché le gambe vi si sono indolrnzite, o a causa di un prurito fastidioso che vi impediva di rilassarvi durante la meditazione. Bene, lasciate che ve lo dica, questo non è un fatto insolito.




Tutto mi prude e mi dà fastidio


Sai bene di cosa sto parlando, vero? Del prurito durante la meditazione. Questo fenomeno è particolarmente evidente all'inizio della pratica meditativa, quando sei ancora abituato/-a a fare un po 'di movimento tutto il tempo e dura finché non riesci a calmare completamente il tuo corpo. Come succede? Inizi a rilassarti e cerchi di spostare la tua coscienza e seguire la meditazione. E all'improvviso senti qualcosa che ti dà un po’ di fastidio. Questa è una parte di te che in qualche modo non vuole il cambiamento che la meditazione ti porterà. Questa parte vuole che tu rimanga come sei e quindi ti invia questo piccolo segnale per distrarti. Nel momento in cui ti muovi e ti gratti, verranno attivate cinque nuove parti che richiedono la tua attenzione e allora dovrai graffiarti un po’anche lì. La parte di te che ti impedisce di ottenere un cambiamento nella tua vita, attraverso la meditazione, a questo punto ha avuto successo. Ti ha inviato uno stimolo e tu gli hai risposto. Ovviamente funziona, quindi continuerà con altri stimoli. E come finisce la meditazione? Purtroppo senza effetto. Come evitare questo stimolo insopportabile? Devi semplicemente resistere e non graffiarti. Con una pratica regolare, il tuo corpo si calmerà sempre di più. Accetterà la meditazione come il tuo nuovo modo di vivere e il prurito si verificherà raramente, oppure mai più.



Non importa se avete appena iniziato a meditare o lo fate da molto tempo, avete già sentito qualche dolore durante la meditazione.


Piccoli dolori ovunque


Quando inizi a meditare, inizi ad ascoltare te stesso/-a, il tuo corpo. Questo, a sua volta, significa che inizi anche a percepire tutto ciò che hai trascurato quando avevi altri impegni. Probabilmente sai che quando qualcosa ti fa male, senti il dolore maggiormente quando stai fermo/-a e concentrato/-a su di esso. Tuttavia, quando sei impegnato/-a con qualcosa, sentirai che il dolore è minore. Ti piace dire che ti sei scordato/-a un po’ del dolore o che qualcosa ti ha distratto ed è stato quindi più facile. Non era meglio, semplicemente non prestavi attenzione al dolore. È la stessa cosa nella meditazione. Una volta che inizi a calmarti, tutto il dolore presente può manifestarsi nella meditazione, il che può essere ancora più fastidioso del solito.


La tosse


Tante volte noto, sia che si tratti di meditazione in gruppo o da casa, che ti punge la gola subito dopo esserti calmato/-a e aver iniziato a meditare. Non hai nemmeno iniziato bene quando inizia a graffiarti. Nel gruppo, pensate subito a non disturbare gli altri e cercate di trattenere la tosse. Ti concentri così tanto finché non ti alzi nel mezzo della meditazione e vai fuori e tossisci senza sosta. Se hai deciso di tossire all'inizio o semplicemente ti sei dimenticato/-a di rimuovere questo prurito subito, allora continuerai a meditare senza problemi. Ma allontanarti significa che ti mancherà la fine della meditazione. Però, a questo punto, ti sei perso anche l’inizio. Perché questo? Perché hai trascorso l'intera durata della meditazione a pensare a come non tossire, ed eri solo concentrato/-a nel trattenerla.


Ogni volta, prima della meditazione, prepara un bicchiere d'acqua. L’avrai a portata di mano ogni volta che sentirai questo disturbo.

È molto più facile a casa perché non ti preoccupi di infastidire gli altri ed è più facile dimenticarsene e meditare fino alla fine.

Devo sottolineare, tuttavia, che la tosse spesso si verifica anche quando stiamo lavorando sul chakra della gola, quando alcune energie iniziano a essere rilasciate. Anche in questa situazione un sorso d'acqua è benvenuto.


La schiena


Alcune delle posizioni di meditazione di cui ho scritto nel mio post dalla postura durante la meditazione sono perfette per coloro che hanno mal di schiena. Tuttavia, so che le posture all'inizio possono essere ancora molto difficili. Se non siamo abituati, il corpo ha bisogno di un po’ di tempo per abituarsi a questa nuova postura. Se non sei molto attivo/-a fisicamente e i muscoli della schiena non sono sufficientemente sviluppati, troverai più difficile sopportare a lungo questa posizione della schiena dritta. Ciò può essere dovuto dal fatto di stare per lunghe ore in posizione seduta. Ma non cambia il fatto di sentire il disagio già al passare di qualche minuto. È del tutto indifferente se inizierai con un esercizio per la schiena, per resistere meglio durante la meditazione, o se lo farai perché gioverà alla tua vita. Ti consiglio di lavorare sulla tua postura. Rimani in posizione diritta, cerca di sentirti bene e sii in buona salute. Con la meditazione spesso scoprirai qualche tuo difetto o ti mostrerà il punto dove dovresti concentrare le tue energie per sentirti meglio.


Le gambe


Il dolore alle gambe può verificarsi a causa di diversi fattori. Dopo una lunga seduta in posizione del loto (se non sei abituato/-a a questa posizione), probabilmente inizierà a farti male nella zona della piega, all'inguine. Questo perché non sei ancora abbastanza flessibile da far cadere le ginocchia fino al pavimento. Per questo il peso delle gambe comincerà ad aprire i fianchi per tutto il tempo della durata della meditazione. All'inizio non lo sentirai tanto, ma dopo un po' sarà difficile non sentirlo. In questo caso, ti consiglio di mettere sotto le ginocchia una coperta o un cuscino, in modo da non soffrire di dolori che non servono. Nel tempo, i tuoi fianchi si apriranno di più e questi dolori diminuiranno o svaniranno. Tuttavia, se non riesci a sopportare questa posizione, ti suggerisco di sederti su una panca da meditazione, come descritto nelle posizioni di meditazione.


Non importa se avete appena iniziato a meditare o lo fate da molto tempo, avete già sentito qualche dolore durante la meditazione.


Un altro dolore potrebbe essere presente al ginocchio. Il ginocchio è in qualche modo flessibile ma, ad esempio, se ti metti in posizione del loto completo, quando il corpo non è ancora pronto, può esserci troppa tensione nel ginocchio. Questo comporta dolori o anche qualcosa di peggio. Ecco perché è importante ascoltare te stesso/-a, il tuo corpo per sentire fino a dove puoi arrivare. Più i tuoi piedi sono vicini alle tue cosce, meno soffrirà il ginocchio. Tuttavia, devi testare la tua posizione corretta e trovarla da solo/-a. Allo stesso tempo, lasciatemi sottolineare che il dolore al ginocchio non è così trascurabile come possono essere di solito gli altri dolori. Se senti dolore al ginocchio, cambia posizione e non insistere a mantenerla ad ogni costo.


Le caviglie di solito fanno male quando ti siedi su un terreno duro e non hai niente sotto di esse. All'inizio forse non sentirai questo dolore, ma più a lungo mantieni la posizione, più insopportabile sarà il dolore. Quindi ti suggerisco di mettere qualcosa sotto le caviglie. Se hai un cuscino da meditazione, probabilmente hai già un po’ di imbottitura su cui sederti. Altrimenti, prendi semplicemente una coperta o simile per metterti a tuo agio.


Come alleviare il dolore?


È molto probabile che durante la meditazione vengano alla luce vari dolori. Come calmarli e continuare a meditare? Per fare questo, invece di temere o cercare di controllare il dolore, accettalo e inviagli una bella parola o energia. Dirigi il tuo respiro in quest'area e immagina come questa tensione diminuisce, come se illuminata da una luce e le ombre iniziassero a ritirarsi. Non evitare di sentire il dolore, ma piuttosto accetta ciò che ti dice il tuo corpo.


E quando le tue gambe si addormentano?


Questo è un evento molto comune nella meditazione e accade praticamente a tutti. Cambiando un po’la posizione possiamo già sperimentare la meditazione in modo diverso. Per esempio con una gamba indolenzita e dolorante. Soprattutto all'inizio, quando non siamo ancora abituati alla posizione, o se il nostro cuscino meditativo è troppo duro, o se indossiamo pantaloni troppo stretti, capita spesso che la nostra gamba o anche tutte due si addormentino.

Le gambe si addormentano in posizione meditativa perché c'è pressione sul nervo (principalmente nella parte inferiore della gamba) e il flusso di potassio attraverso il canale nervoso viene parzialmente o completamente interrotto. Il risultato è tutta una serie di segnali deboli tra il nervo e il cervello. Lo senti come formicolio nelle gambe o come se la tua gamba si fosse addormentata. Quando non c'è più pressione sul nervo e il potassio ricomincia a muoversi, il nervo si sveglia e inizia a lavorare più velocemente. E in quel momento il dolore può essere più forte del senso di gamba addormentata.

Il flusso sanguigno nelle gambe non è mai ostacolato dalla posizione anche se le gambe si addormentano. Quindi non preoccuparti di eventuali infortuni. È solo necessario abituarsi lentamente alla posizione. Il tuo corpo si abituerà in poche settimane e le tue gambe non si addormenteranno più.


Forse puoi anche provare con piccoli cambiamenti di posizione, come muovere le ginocchia (avvicinarle o divaricarle), o magari muovere le caviglie un po’ in avanti o indietro. La meditazione è, soprattutto all'inizio, trovare la posizione giusta per te e per il tuo corpo.


E tu hai mai sentito dolori o disturbi durante la meditazione? Qual è quello che senti più spesso? Scrivilo qui sotto nei commenti.



Post recenti

Mostra tutti

1 commentaire


Spesso si addormenta la gamba sinistra, e sento un disallineamento nel bacino credo dovuto alla cattiva postura.. ma riesco a stare abbastanza tempo in posizione senza distrarmi

J'aime
bottom of page